XAVIER CAILHOL E SYMON WELFRINGER IN INVERNO SU DIVINE PROVIDENCE

Tra il 17 e il 19 febbraio i due giovani alpinisti francesi Xavier Cailhol e Symon Welfringer hanno messo a segno una delle rare ripetizioni invernali della via più famosa del Massiccio del Monte Bianco: Divine Providence. Quello che segue è il racconto della cavalcata sul Pilier d’Angle e lungo la cresta di Peuterey  che ha portato Symon Welfringer per la prima volta in cima al Monte Bianco.

 

Divine Providence, un nome, una via, un mito…

di Symon Welfringer

 

È sabato 16 febbraio, a mezzogiorno. Parcheggiamo al tunnel del Monte Bianco. Grand Pilier d’Angle appare alto, imponente e allo stesso tempo così piccolo nel mezzo di tutte queste montagne. Verso le 15.00 iniziamo l’avvicinamento al bivacco di Fourche. Indossiamo le ciaspole e via, questi piccoli attrezzi sono davvero leggeri e pratici per fare avvicinamenti come questo. Dopo una breve notte al bivacco, partiamo il giorno dopo alle 4 del mattino. Alcune calate in corda doppia e siamo al di sotto del Seracco Poire, è ora di correre! Alle 6:00 iniziamo a salire il pilastro alla base di Divine Providence.

Risaliamo lunghi tiri di 60 metri su terreno misto. La grande rampa che porta verso il bivacco offre bellissimi passaggi, fino al penultimo tiro immediatamente sotto il bivacco che si rivelerà offrire roccia scadente. Abbiamo fatto una bella lotta per superare questa lunghezza spiacevole, poi raggiungiamo la base dello scudo. Al bivacco ho ancora un po ‘di energia per fissare il primo tiro per il giorno seguente, un orribile 6a + che, una volta salito, mi permette di passare una buona notte.

Dopo una buona notte di sonno, siamo pronti per attaccare lo scudo, sono le sei e mezza e siamo alla base del primo 7a. Il freddo è davvero pungente e decidiamo quindi di salire questi tiri con un misto di arrampicata libera e arrampicata artificiale. Il primo di cordata poi  fissa la corda in sosta e il secondo risale a jumar con i due zaini.

Nonostante il sole, l’aria è veramente fredda. Non ci togliamo le giacche tutto il giorno. L’arrampicata è eccellente ed è facile andare veloci con questo stile. Una volta scalati i due 7a e il 7b, ci rimane un 6b con un pendolo difficile e un 7a. Sono le 13:00, il sole inizia a scomparire ed il freddo già intenso si fa sentire ancor di più.

Non dobbiamo dimenticare che Divine Providence non è solo una difficile via di 12 tiri. Una volta fatto tutto questo, devi continuare lungo la cresta di Peuterey. Il freddo, la neve e soprattutto il ghiaccio nero ci rallenta e impieghiamo molto più tempo del previsto. Alle 20.00 finalmente raggiungiamo il bivacco a quattro stelle che Patrice Glairon Rappaz ci ha consigliato. Avendo riserve di gas limitate, andiamo a dormire senza mangiare.

Il giorno dopo ci svegliamo ottimisticamente alle 6:30. Finiamo la nostra ultima bomboletta di gas sciogliendo un po ‘di neve e mangiando qualcosa. Dobbiamo ancora salire sulla vetta del Monte Bianco. Solo quello. Quanto siamo ingenui! La salita è completamente ghiacciata, in inverno fa troppo freddo perché la neve si attacchi ovunque e tutte le creste nevose in estate sono piene di ghiaccio in inverno.

Saliamo per 100 metri, comincio a sentirmi estremamente stanco, ma quando finalmente vediamo la cornice, pensiamo che siamo a circa 100 metri sotto la vetta. In realtà impieghiamo altri 6 tiri per arrivare in cima al Mont Blanc de Courmayeur. Abbiamo impiegato molto più tempo di quanto pensassimo. Ormai sono arrivate le 15: 30. C’è molto vento, indossiamo tutti i vestiti che abbiamo e continuiamo la nostra salita fino alla cima del Monte Bianco. All’improvviso siamo lì, sopraffatti dall’emozione. Abbiamo appena scalato Divine Providence, la via più bella dell’intero massiccio, in inverno! Ma ora sono le 16:00, dobbiamo scendere da 4810m a 1000m, la modalità radar è attiva!

Dopo un buon riposo al bivacco Vallot siamo partiti alle 18:00 per i Grands Mulets. Dopo essere scesi per 10 minuti, Xavier mette il piede in un crepaccio. Decidiamo di indossare le nostre ciaspole. Continuiamo con buon ritmo, verso il grande plateu quando Xavier finisce improvvisamente in un crepaccio. Non me ne accorgo, all’inizio non capisco nemmeno perché non ci sia più, la corda non è nemmeno tesa. Fortunatamente si ferma due metri più in basso grazie ai ponti di neve all’interno.

Dopo aver gironzolato per il ghiacciaio dei Bossons, siamo finalmente tornati in macchina alle 22:30 e decidiamo di festeggiare a Courmayeur con un’ottima pizza. Non male per la mia prima volta in cima al Monte Bianco!

 

Fonte: Planetmountain

Link: https://www.planetmountain.com/en/news/alpinism/divine-providence-mont-blanc-winter-xavier-cailhol-symon-welfringer.html

 

2019-03-19T18:59:41+02:00