CASCATE DI GHIACCIO ED ESPLORAZIONE IN TURCHIA

Di Tunç Fındık

La Turchia è una terra di montagne e, ovviamente, di arrampicata. Detto questo, il potenziale di arrampicata è quasi del tutto inesplorato; posso veramente dire che ciò che è stato fatto finora ha appena spazzato via la polvere dalla superficie. Vero, non ci sono montagne alte o grandi come l’Himalaya, tuttavia ci sono cime delle dimensioni alpine e pareti rocciose moderate fino a 900 metri di altezza da arrampicare. Negli anni ’30 gli alpinisti tedeschi, negli anni ’40 inglesi e negli anni ’50 e ’60 gli alpinisti italiani hanno esplorato le principali catene montuose della Turchia, come quelle di Aladag, Cilo o Kackar, ma con gli affari politici turbolenti e i conflitti interni, in particolare nelle regioni orientali meno sviluppate del paese, l’afflusso di scalatori stranieri è diminuito gradualmente dopo il 1970. Ciò che mancava agli scalatori stranieri era più o meno compensato dalla nuova generazione di alpinisti turchi dagli anni ’80, ’90 e successivi, che esplorarono e fecero nuove arrampicate, in estate e in inverno, su percorsi tecnici.

In realtà, in questo articolo il tema principale per me è la storia e l’esplorazione del potenziale di arrampicata su ghiaccio in Turchia. È noto che la Turchia ha molte vie su roccia, praticamente in tutto il paese. È un dato di fatto, oggi il 99% degli alpinisti turchi esistenti è prevalentemente sportivo. Anche l’arrampicata sportiva è relativamente nuova in Turchia, a partire dall’inizio degli anni ’90. Ciononostante, un mare di roccia rimane sconosciuto e inesplorato in tutta l’Anatolia, ed è una piccola meraviglia ancora ci sono molte nuove cose da fare, tra cui linee nuovissime invernali sulle principali pareti rocciose. Disponiamo di numerosi falesie per l’arrampicata sportiva, insieme ad alcune aree di arrampicata tradizionale e molte vie lunghe che sono ben documentati. Questo per quanto riguarda l’arrampicata su roccia!

Noi, come alpinisti, eravamo abbastanza abituati a scalare su ghiaccio in alta montagna. Ma le cascate, come tutti sappiamo, sono una questione diversa. La principale sorpresa che abbiamo scoperto è stata che la Turchia ospita un gran potenziale per l’arrampicata su ghiaccio; sconosciuto e praticamente inesplorato fino all’anno 2002. Inverni estremamente freddi con temperature di -40 ° C, altitudini dai 2000 ai 3900 metri sul livello del mare e un’abbondanza di terreni scoscesi, la Turchia orientale è il luogo perfetto per la formazione di cascate ghiacciate. L’ostacolo principale era che nessuno sapeva come scalarle, per non parlare del fatto che nessuno sapeva che esistono cascate in Turchia… Ricordo di aver spesso viaggiato in Iran o in Europa per arrampicare su ghiaccio negli scorsi inverni.

Foto: Arda Turegun

La prima via del ghiaccio che è stata scalata (e con questo intendo ovviamente l’arrampicata da primo) in Turchia è nella città di Van Muradiye, chiamata “Ezidi” (40m, WI4) da me, Efecan Aytemiz e Kursat Avcı nell’inverno 2002 , che avevamo esplorato per pura coincidenza. In qualche modo, tuttavia, questo non ha fatto suonare un campanello dentro d noi. Poi, un giorno del 2012, un alpinista locale di Erzurum mi disse che avevano una grande colonna di ghiaccio da qualche parte a Uzundere, una città a 84 km a nord di Erzurum. Così, ho fatto la prima salita sull’elegante cascata di ghiaccio “Serafin” lunga 30 metri, che è stata la prima via di ghiaccio della zona. È così che questa avventura di arrampicata su ghiaccio nella Turchia orientale ha preso il via.
Le condizioni climatiche uniche di Uzundere sono perfette per la formazione del ghiaccio, nonché la facilità di accesso alla maggior parte dei tiri. Pertanto, alla fine abbiamo esplorato molte vie di ghiaccio e fatto le prime salite negli inverni successivi, comprese le linee classiche di “Lucifero” (45 m WI4), “Sarıgelin” (90 m, WI5, la prima via di ghiaccio a più tiri in Turchia) , ‘Anatolia Pillar’ (100m, WI5 +), ‘Nakavt’ (250m WI5, la più lunga via di ghiaccio esistente in Turchia a quel tempo). Posso dire che questa zona è diventata la culla dell’arrampicata su ghiaccio in Turchia e il punto di introduzione di questo sport per gli appassionati di questo paese. Tuttavia, il potenziale per nuove vie rimane da esplorare a fondo in quella regione, e ogni anno che passa vengono esplorate e scalate nuove cascate.

Tunç Fındık

Dopo l’esperienza di Uzundere ho esplorato con l’aiuto di amici arrampicatori locali diverse regioni della Turchia. A Van, una delle città più fredde della zona, il perfetto pilastro di ghiaccio della cascata ‘Erek Sutun’ (30m, WI4 +) è stato scalato da me e dal mio amico italiano Gilberto Merlante nel 2017. Nella Turchia nord-orientale la zona di Çamlıhemşin, per noi ha prodotto felicemente alcune belle cascate di ghiaccio, in particolare la cascata del Sudüşen (30m WI4) e la cascata del ‘Keciyatagı’ (30m WI4 +). Sorprendentemente, nella Turchia centrale vicino alla Cappadocia ben conosciuta, a Guzelyurt, siamo stati in grado di scalare cascate lunghe da 20 a 40 metri, come la cascata di ghiaccio “Gelveri” (30m WI5-).
Nelle province di Yusufeli, Artvin, Kars, Van, Agrı, Diyadin, Maras, Bingol, Tunceli e Hakkari, nel nord-est, nel sud-est e nel sud-est della Turchia, c’è sicuramente una miniera di arrampicate su ghiaccio in attesa di essere scoperte dall’entusiasta del ghiaccio. Alcune di queste salite si trovano ovviamente in posti difficili da affrontare in inverno, con il noto pericolo di valanghe di questa regione, le difficoltà per viaggiare e di villaggi abitati. Il mio viaggio per esplorare l’arrampicata su ghiaccio negli altopiani turchi continua senza sosta ed è mio sincero desiderio di condividere le informazioni con tutti gli scalatori lungo la strada!

Per maggiori informazioni non esitare a contattarmi:

www.tuncfindik.com

Instagram: tuncfindikclimber

2020-01-29T09:44:59+01:00